BIO

ITA

Gli SHIJO X nascono nel 2009 come duo composto da Davide Verticelli (ex tastierista di Beatrice Antolini) e Laura Sinigaglia. Nello stesso anno vede la luce il loro primo disco “One minute before”, molto apprezzato dalla critica, edito da Ideasuoni e registrato con la collaborazione di Luca Cavina (Calibro35, Zeus!) e Gianluca Rimei (Il Genio, Beatrice Antolini, Candy Fish). Il duo comincia un consistente numero di live, finchè nell’aprile 2010 si aggiungono alla band un basso e una batteria, al fine di partecipare al concorso Teramo Music festival, nel quale si aggiudicano il premio della giuria “Faremusika” che li porterà ad esibirsi al DISMA a Bologna.

L’esperimento del quartetto funziona bene e dopo diverse collaborazioni con Michele Postpischl (Ofeliadorme) e Francesco Amadio (TreTigriContro), la formazione si stabilizza con Federico Fazia al basso e Federico Adriani alla batteria. Nel 2011 gli SHIJO X vincono il concorso ITALIAWAVE LOVE FESTIVAL come miglior gruppo abruzzese (che li porterà ad essere selezionati per condividere il main stage dello stadio del mare di Lecce con Kaiser Chief e Paolo Nutini) ed i premi della critica ai concorsi Libera la musica, la musica libera 2011 e Sonda in onda 2011. Sempre nel 2011 gli SHIJO X vincono il premio Comites Sao Paulo in rappresentaza dell’Italia e partono alla volta di Sao Paolo (Brasile) per tre appuntamenti. I numerosi live collezionati in Italia portano la band ad aprire concerti di importanti artisti italiani come ad esempio Brunori sas e gli Afterhours nel settembre 2011, in occasione della serata Note Su Ali di Farfalla (Teramo), e i Marta sui Tubi. Dal 2009 Davide e Laura prima e gli SHIJO X poi, intrattengono una forte e fruttuosa collaborazione con il fonico Davide Cristiani del Bombanella Soundscapes di Maranello (MO), che prosegue nel 2012 con la neonata etichetta musicale Bombanella Records, la cui prima prima uscita ufficiale è proprio il secondo lavoro della band “…if a night”, un disco di stampo più trip hop. Gli SHIJO X iniziano, dunque, un lungo percorso di promozione sia a livello nazionale che internazionale finchè nel 2015 arriva al basso Andrea Crescenzi. Gli SHIJO X collezionano numerose esibizioni anche in Europa, quali ad esempio la partecipazione al Liverpool Sound City nel 2015, all’Open Air Berg ed al Rosa Laub Festival nel 2014 ed un tour in Germania nel 2015, durante il quale la band raccoglie positivissimi consensi.

Il 5 maggio 2017 esce il terzo disco degli SHIJO XOdd times” registrato a Bombanella studio nel 2016 e masterizzato da Jim Blackwood in America. Lo stile, sempre molto personale e sperimentale, si allontana dai canoni trip hop del secondo album per delineare una sempre più forte cifra stilistica personale. La prima collaborazione che il gruppo stringe per il nuovo lavoro, è con SIMONE BRILLARELLI E JONATHAN CALUGI per la realizzazione del video del singolo, “Spiral” (uscito in esclusiva su Rollingstone.it) e successivamente con Beatrice Antolini, che ne realizza un riuscitissimo remix. Il singolo ottiene un ottimo riscontro e la band viene ospitata negli studi di Radio1 RAI all’interno del programma Stereonotte, condotto da Mauro Zanda. Il 20 maggio 2017 esce su Repubblica.it il video del secondo singolo estratto da “Odd times”, “Fireflies”.

Il 24 maggio 2017 gli SHIJO X partono per un tour europeo che tocca il LIVERPOOL SOUND CITY FESTIVAL 2017, Manchester, Londra e il PRIMAVERA SOUND a Barcellona, durante il quale la band ottiene critiche molto positive. Anche in Italia il tour prosegue fitto nei club e nei festival fra i quali A NIGHT LIKE THIS, il ROCK YOUR HEAD ed il VITECULTURE FESTIVAL, Il Chiostro Bistrot di Milano ed il Lanificio159 di Roma. Gli SHIJO X inoltre, vengono selezionati nell’Agosto 2017 per esibirsi al REEPERBAHN FESTIVAL di Amburgo.

Grazie al positivissimo riscontro ottenuto, gli SHIJO X ed A BUZZ SUPREME, l’ufficio stampa italiano della band, stringono una forte collaborazione con la Planetary Agency di Los Angeles e la Inker Agencia di Sao Paolo, ed il disco viene promosso anche negli Stati Uniti ed in Brasile, conquistando numerosissimi Airplay fra cui la KCRW.

Gli SHIJO X, insieme ad A BUZZ SUPREME, vengono poi selezionati tra i vincitori del bando “SILLUMINA – copia privata per i giovani per la cultura” promosso da SIAE e MIBACT, e grazie a tale contributo iniziano un lungo tour che li porta ad esibirsi in Ungheria, Germania, Argentina e Brasile, dove vengono selezionati per rappresentare l’Italia al SIM FESTIVAL di SAO PAULO ottenendo, grazie anche al lavoro della Inker Agencia, un ottimo feeback.

Dopo il tour in America Latina, il 22 gennaio 2018, esce il video di “Eleven” (terzo singolo estratto da “Odd times”). Il video, girato da Angelo di Nicola (già regista del video di “Fireflies”), esce contemporaneamente in Italia e Brasile in esclusiva rispettivamente per DLSO.itESTADAO.com.br e successivamente ne vengono rilasciate due versioni acustiche registrate in Brasile per i canali youtube Azoofa e Elefante Session.

A seguito dell’uscita di Andrea Crescenzi dalla band, nel gennaio 2018 gli SHIJO X trovano il loro equilibrio nella formula del trio e sono attualmente al lavoro per presentare un nuovo set up per il live show.

 

 

ENG

The SHIJO X started in Bologna (Italy) in 2009 as a duo formed by Davide Verticelli and Laura Sinigaglia. On the same year their first album, “One minute before”, was released by Ideasuoni. In 2011 two new members joined the band: Federico Adriani on drums and Federico Fazia on bass guitar. In 2012 Bombanella dischi released the second album of the band, “…if a night”, with a more trip-pop sound. In 2015 Andrea Crescenzi replaced Federico Fazia as bass player. SHIJO X performed numerous live concerts in Italy and Europe, among others, they were chosen to play at Open Air Berg in 2014, Liverpool Sound City festival in 2015 and traveled to Sao Paolo, Brazil, for the Comites international party live show. They also played as opening band for Kaiser Chiefs and Paolo Nutini during the Italia Wave Festival 11 (they won for best band from Abruzzo).

Their third album “Odd times” was released on the 5th of May 2017, it was recorded in Bombanella studio during 2016 and mastered by Jim Blackwood in the U.S.A. The sound, always experimental and very personal, drifts away from the trip-pop atmosphere of the second album to define a much stronger signature style. Because of “Odd times”, SHIJO X had the opportunity to start a few lucky cooperations with Simone Brillarelli and Jonathan Calugi that designed and directed the videoclip for the first single, “Spiral”; Beatrice Antolini that remixed it, and Angelo di Nicola that directed the videoclip for the second single, “Fireflies”. After many gigs and positive reviews, in 2017 SHIJO X performed at some of the most important European festivals like Primavera Sound in Barcelona, Liverpool Sound City and Reeperbahn festival in Hamburg, as well as important Italian festivals like A night like this, Rock Your Head and Viteculture Festival w/ Primal Scream.

Thanks to the good feedback, SHIJO X and A Buzz Supreme, the Italian press office of the band, established a close cooperation with Planetary Agency (Los Angeles) and Inker Agencia (Sao Paolo), and “Odd Times” was promoted also in U.S.A. and Brazil, obtaining a lot of airplays like, for example on the KCRW.

With A Buzz Supreme, in April 2017, SHIJO X won a public call: “Sillumina – copia privata per i giovani, per la cultura” issued by SIAE and MIBACT (Ministero dei beni culturali e del turismo) aimed at the international promotion of Italian live music. Thanks to this initiative they travelled to play “Odd Times” in Europe and South America, in particular in Argentine and Brazil, where they had been selected to play at SIM FESTIVAL in Sao Paolo.

On January the videoclip of “Eleven” (third single of “Odd times”), directed by Angelo Di Nicola, was released in Italy and Brazil at the same time and then two acoustic versions of “Eleven” were recorded and released for two Brazilian youtube channels, Azoofa and Elefante Session.

After Andrea Crescenzi got out of the band, from January 2018 SHIJO X found their balance as trio and now they’re working on new set up for the live show.

 

 

DE

Im italienischen Bologna startete SHIJO X seinerzeit 2009 als Elektroakustikduo. Davide Verticelli und Laura Sinigaglia verstärkten sich schon bald um Drummer Federico Adriani und Bassist Federico Fazia. Gemeinsamt verstehen sich die Mitglieder auf fantasievolle, poetische Songs, die ein Hauch von Cabaret umweht und von Laura Sinigaglias dunklem Sopran zusammengehalten werden. Schnell spielten sie auf internationalem Parkett, eröffneten Konzerte für die Kaiser Chiefs oder Paolo Nutini. Mit „Odd Times“ ist ihr drittes Album erschienen. Es ist noch einen Hauch experimenteller geraten als die Vorgänger, ein stilsicheres Hybrid, höchst originell. Die im Albumtitel erwähnten „schrecklichen Zeiten“ fängt das Quartett mit ultrakurzen Songtiteln ein, ob „Spiral“, „Origami“ oder „Parallax“. Ein atemberaubend unkonventionelles Projekt, das auch live die Grenzen des Konventionellen sprengen dürfte.

 

 

ES

Procedentes de Bolonia, los italianos SHIJO X han vivido varias encarnaciones desde su creación, en 2009, como un dúo formado por Laura Sinigaglia y Davide Verticelli. Convertidos ahora en cuarteto y habiendo publicado dos discos (“one minute before” ese mismo 2009 y “…if a night” en 2012), el grupo ya puede presumir de haber girado por toda Europa y de haber teloneado a Kaiser Chiefs o Paolo Nutini, gracias a su pop electrónico de pátina oscura y personalidad arrolladora. Ahora ultiman “Odd Times”, su tercer disco, en el que se alejan de la atmósfera trip-pop que impregnaba su segundo álbum y se aproximan a un sonido más contemporáneo y contundente.

 

 

SHIJO X – ELEVEN

https://www.youtube.com/watch? v=2lMLyEuYSeQ

SHIJO X – SPIRAL

https://www.youtube.com/watch? v=9gfHqwqFno8

SHIJO X – FIREFLIES

https://www.youtube.com/watch? v=T1xieyxG2eI

 

SHIJO X – WEIGHTLESS (live @ SZIMPLA KERT – BUDAPEST, novembre 2017)

https://www.youtube.com/watch? v=b7GSs0F3NqI

 

ODD TIMES

via spotify : https://open.spotify.com/ album/0cd8U45UnuH4EDhxldseSr

via soundcloud : https://soundcloud.com/ shijox/ sets/odd-times

via web : https://www.shijox.com/

via bandcamp : https://shijox.bandcamp.com/

 

BOOKING

shijox@yahoo.it

3479289517 davide

 

www.shijox.com

 

Laura Sinigaglia – vox

Davide Verticelli – synth, keyboards and piano

Federico Adriani – drums

 

 

 _________________________________

ODD TIMES

ITA

“ODD TIMES” è l’ultima fatica degli SHIJO X, un disco complesso e stratificato in cui si innestano le esperienze che la band ha collezionato sui palchi europei nel periodo di gestazione dell’album. Sebbene siano ancora presenti le influenze dell’elettronica e dell’r&b, questo terzo lavoro risulta nettamente rivolto alla contemporaneità grazie ad un’interessante apertura verso nuove prospettive musicali. “ODD TIMES” come suggerisce il titolo, è un disco permeato di tempi dispari e sbilenchi in cui la ricerca del ritmo si assesta su punti di equilibrio precari e calcolati al millesimo. Il risultato finale è ancor più spiazzante perchè un tale impianto ritmico è perfettamente amalgamato con voci sinuose e synth profondi che mantengono un’ispirazione più dichiaratamente melodica. D’altro canto, è proprio questa la sensazione che gli SHIJO X hanno ricercato nella stesura dei brani, il cui intento espressivo ruota attorno ad uno stato d’animo straniante che diventa la chiave di lettura delle undici tracce dell’album: “odd”, infatti, può tradursi non solo come “dispari” ma anche come “strano”. Il disequilibrio e la stortura sono, infatti, il filo conduttore del disco: un senso di equilibrio instabile in cui l’essere in bilico assume a volte accezioni positive a volte negative, in una perenne duplice e contraddittoria lettura della realtà. Il disco si apre con “Brink” un brano articolato e carico di spessore che, alternando passaggi ampi e melodici a parti ripetitive e cantilenate, si traduce in una moderna nenia in cui l’essere sul punto di fare qualcosa, che sia iniziare una nuova vita o una nuova giornata, non trova il suo naturale esito ma si blocca in un perenne ritorno al punto di partenza. Ed il concetto della spirale torna preponderante anche nel primo singolo estratto dall’album, “Spiral” appunto. Un synth serrato e spigoloso introduce il brano, e la sensazione di essere in bilico si traduce nella sua accezione più negativa: un circolo senza fine in cui la protagonista dello splendido video, opera di Simone Brillarelli e Jonathan Calugi, si dimena invano. E sempre da un momento di transizione è suggestionata “Lapse”. Una ninna nanna dilatata e fluida in cui il passaggio dalla veglia al sonno sembra essere ostacolato da agenti esterni ed interni, così come le morbide melodie del brano sono incalzate da momenti ritmici alterati e discontinui i quali, però, lasciano solo un vago senso di incompiuto risultando quasi del tutto impercettibili. Il percorso prosegue indagando sonorità dalle molteplici interpretazioni, in “Zero” ad esempio, in cui il punto di partenza, lo zero appunto, assume le sembianze di una rinascita, la voce viene accompagnata da una linea di basso che sfrutta l’approccio tipico delle chitarre, per poi sfociare in un ritornello intenso e vigoroso in cui la voce improvvisamente si apre sfiorando, senza mai superare, il limite dell’urlato. “Fireflies”, secondo singolo del disco, è un brano che si contrappone nettamente a Spiral, in un’ottica di opposti in cui l’approccio più pop del primo trova il suo equilibrio grazie ad un tempo in 5/4 in cui la batteria cresce gradualmente. L’intenzione scura e sezionata delle sonorità di Spiral trova il suo alterego nella più naturale e istintiva Fireflies, in cui tutti gli strumenti si muovono insieme in un’escalation coordinata ed accompagnata. Solo apparentemente più immediata, “Parallax” traduce in musica quanto accennato nel testo. L’effetto della parallasse per cui un oggetto sembra spostarsi rispetto allo sfondo se si cambia il punto di osservazione (in questo caso di ascolto), si ritrova nelle ritmiche spezzettate su cui campeggia una voce dolce e spontanea. Violenta e decisa è invece “Origami” in cui i synth si appoggiano su suoni in parte aerei e profondi, in parte acidi e stridenti per poi culminare in un ritornello in cui il pianoforte sembra il vero protagonista, accompagnando la voce con accordi corposi e intensi. Ed è proprio il passaggio repentino da suoni più elettronici ed artificiali a sonorità di ispirazione acustica a fare di questo brano un interessante condensato di tecniche compositive. La duplicità viene richiamata anche nel testo, che con un approccio sognante e immaginifico descrive le tracce cartacee che, volenti o nolenti, disseminiamo durante il passare degli anni come un enorme e spaventoso mostro o come un più rassicurante origami. I tratti distintivi di  “Weightless”, ispirata al movimento del mare ed alla sua imprevedibilità, sono una ritmica definita e preponderante ed una linea vocale altrettanto scandita e netta che, sul finire del brano, canta ripetutamente ed insistentemente la necessità di rimanere “senza peso”, con una persistenza ben lontana dalle immagini che una tale condizione è in grado di evocare. “Tear” e “Drop” sono due brani speculari, sia dal punto di vista del testo che dell’impatto sonoro provocato. I testi delle due canzoni, infatti, sono praticamente identici se non fosse per alcuni accorgimenti che fanno sì che gli stati d’animo descritti siano diametralmente opposti. Ed anche dal punto di vista compositivo, se “Tear” è un dolce ed avvolgente r&b in cui l’impronta soul è preponderante,  “Drop” è un energico e ritmato susseguirsi di imput sonori diversificati e stranianti. Questo efficace effetto viene ancor di più accentuato dal fatto che le due canzoni si scambiano passaggi armonici identici che nella trasposizione da un brano all’altro diventano quasi del tutto irriconoscibili. Il disco si chiude con “Eleven” un brano di una semplicità estrema in cui la voce si interseca solo con un profondo suono di synth. L’undicesima traccia dunque si aggiunge come elemento dissonante e diverso dagli altri, Eleven infatti rappresenta l’emento in più, la diversità che l’ascoltatore deve percepire alla fine di “ODD TIMES”, diversità che si manifesta in una forma che cattura ancor di più l’attenzione dell’ascoltatore perchè costituita dal brano più scarno ed essenziale del disco. In conclusione, “ODD TIMES”  è un disco complesso, diretta manifestazione del lungo periodo di lavorazione dello stesso, circa due anni. È un album concepito come frutto di molteplici interpretazioni e percezioni che, se al primo ascolto colpisce per la sua particolarità, l’elemento “odd” appunto, solo con il tempo può essere apprezzato in tutti i suoi aspetti caratterizzanti e diversificati. Grazie ad un lungo percorso evolutivo, dunque, gli SHIJO X hanno trasfuso più prepotentemente in “ODD TIMES”  la propria cifra stilistica e la ricerca di un linguaggio raffinato, maturo, personale e dal sapore internazionale.

un lavoro pulito, curato in ogni dettaglio che scorre amabilmente senza incepparsi mai, alla ricerca di un equilibrio che in fondo sta proprio nel non adagiarsi in un’unica, statica visione delle cose. (DISCO DEL GIORNO)

ROCKIT

ODD TIMES è un disco che confonde le percezioni

L’INDIEPENDENTE

ad ODD TIMES l’augurio di conquistare sempre di più pubblici esperti e palchi internazionali

MUSIC COAST TO COAST

tra il calore della musica dell’anima e l’imprevedibilità di un indomito spirito creativo

Backstreet of Buscadero

ODD TIMES gioca costantemente su contrasti, anche forti, riuscendo a mantenere sempre un equilibrio che pare del tutto naturale

IN MEDIA REX

una svolta ambiziosa che toglie immediatezza e alza il tiro, con risultati spesso ottimi

MUCCHIO

raffinato e complesso

ROCKERILLA

 

 

ENG

“Odd times” is SHIJO X’s last work, a complex an multilayered album that shows what the band has experienced all around Europe while writing it. Their sound is still influenced by electronic music and r’n’b, but this 3rd album has an even more modern feel and looks towards new musical possibilities. The “odd times” of the title refers to the way the songs are composed, using uneven times. The rythmical elements are uneven as well and were carefully chosen and combined in the precise way that balances everything.
The final effect is even more baffling considering that this structure is perfectly mixed with elements that bring a melodic feel, like soft vocals and deep sound of the synths. SHIJO X, with their songs, have tried to put the listener in an altered state, which is the key to the comprehension of the whole album, odd meaning “not even” but also “weird”. Being out of balance and strangely “crooked” are recurring themes throughout the album. This precarious state can be as easily interpreted in a good or bad way, a duplicity mirrored in a way of looking at reality itself. “Odd times” shows clearly the very personal style of the band with the use of a mature and refined musical language and international vibes.

(UK) GETINTOTHIS

Their set is by all means ideal considering the intimate set up; leaning on bundles of records while the quartet cram into a corner. An admirable range of synth effects ranging from video game sounds to Pink Floyd inspired rattling coins was on display. Accompanied by hip hop/jazz inspired beats and basslines of a similar ilk to BadBadNotGood and vocals that recall Lady Gaga their was certainly a welcomed experimental set up with an atmosphere that was only going to get better. Shijo X bring a talented live performance as well as a wholly unique sound. Don’t miss out!

(UK) VINYL COUNTDOWN – Martin Summerfield

From what I could hear and see of the band, they were pretty excellent. If you like Portishead (and I very much do), then you’ll enjoy Shijo X. But on the bright side.

(NL,BE,LU) RIFRAF musiczine

Een gevarieerd en heel on-italiaans plaatje.

L’INDIEPENDENTE

ODD TIMES is an album that confuses perceptions

Backstreet of Buscadero

Between the warmth of soul music and the unpredictability of an indomitable creative spirit

IN MEDIA REX

ODD TIMES plays constantly on contrasts, always keeping a balance that seems entirely natural

ROCKERILLA

Refined and complicated

Shijo X Rassegna stampa e link utili ODD TIMES

07/12/2016 ESCLUSIVA di SPIRAL su ROLLING STONE
19/01/2017 RECENSIONE di Spiral su Rock nerd (UK)
28/03/2017 ARTICOLO sul Primavera Sound su KALPORZ
13/04/2017 RECENSIONE ODD TIMES su Distopic
21/04/2017 Inserimento in Playlist di Radio Sonica
26/04/2017 INTERVISTA + LIVE a Mercoledì morning con Gianluca Polverari (radio città aperta)
26/04/2017 video in diretta facebook di king kong (live a Le Mura)
28/04/2017 anteprima di ODD TIMES di Nicola Orlandino su Ondarock
2/05/2017 (data del post) Link al post facebook con foto della RECENSIONE di ODD TIMES per Rockerilla di Simone Bardazzi
3/05/2017 (data del post)Link al post facebook con foto della RECENSIONE di ODD TIMES per Il mucchio selvaggio di Luca Ronconi
8/05/2017(data del post) Link al post facebook con foto della RECENSIONE di ODD TIMES per Blow up di Piergiorgio Pardo
07/05/2017 RECENSIONE ODD TIMES di Riccardo Coppola In Media Rex
06/05/2017 RECENSIONE ODD TIMES di Lino Brunetti per Backstreets of Buscadero
08/05/2017 RECENSIONE di ODD TIMES su Nightguide
05/05/2017 RECENSIONE ODD TIMES su Music coast to coast
10/05/2017 Radio Kaos (INTERVISTA + foto per finale Arezzo Wave)
18/05/2017 INTERVISTA su Electric Lorem ( Radio città del Capo)
Selezione di maggio 2017 di Subterranean tapes su L’indiependente di Francesco Pattacini
24/05/2017 Get into this (10 live da tenere d’occhio al Liverpool Sound City) (UK)
27/05/2017 RECENSIONE del live al Liverpool sound city da Get into this (UK)
28/05/2017 foto del live al Liverpool Sound City postato da Pirate Studios (UK)
18/05/2017 FIREFLIES in esclusiva su LA REPUBBLICA.IT
19/05/2017 INTERVISTA (cartacea) sul Primavera Sound con Elena Donatello per ROCKON
31/05/2017 INTERVISTA (cartacea) sul Primavera Sound con Emanuele Mancini per ON STAGE
31/05/2017 INTERVISTA (cartacea) sul Primavera Sound con Maria Pia Diodati per ROCKAMBULA WEBZINE
31/05/2017 RECENSIONE di ODD TIMES di Marco Capone su Rock Shock
02/06/2017 INTERVISTA live a RoCK AND ROLL CIRCUS (Radio2)
03/06/2017 post dalla pagina fb SHIJO X con video del Primavera Sound Festival
04/06/2017 post del NIGHT LIKE THIS FESTIVAL con Davide e Persian Pelican dal Primavera Sound Festival
07/06/2017 INTERVISTA (cartacea) con Riccardo Coppola per In Media Rex
Playlista fatta dagli Shijo x per A NIGHT LIKE THIS FESTIVAL
22/06/2017 INTERVISTA live al primavera Sound con soundsblog
22/06/2017  menzione per ODD TIMES da Giovanni Carfì su OFF TOPIC MAGAZINE
29/06/2017 INTERVISTA (cartacea) con Cinzia canali  per NON SENSE MAG
05/07/2017 INTERVISTA (cartacea) sul blog dell’alligatore
15/07/2017 RECENSIONE di ODD TIMES di Tatiana Granata per Ondalternativa
RECENSIONE del concerto a NIGHT LIKE THIS da parte del l’Indiepentente
24/07/2017 RECENSIONE di ODD TIMES su Smemoranda
08/08/2017 INTERVISTA (live) con Marco Cavalli su Radio Budrio
Pirate Studio link youtube intero live al Liverpool Sound City (UK)
Post fb Pirate Studio esibizione al Liverpool Sound City (UK)
05/09/2017 INTERVISTA (live) su Radio Capo D’istria con Barbara Urizzi
RECENSIONE di ODD TIMES di Marco Pancrex su Vivalowcost
RECENSIONE di ODD TIMES di Giovanni Graziano Manca su Sound36 Music Magazine
15/09/2017 RECENSIONE di ODD TIMES di Margherita g. Di fiore su Rock it (Disco del giorno)
22/09/2017 ARTICOLO su Bands of tomorrow riferito al Reeperbahn festival (DANIMARCA)
RECENSIONE del live al REEPERBAHN FESTIVAL su Popmani (SVEZIA)
02/10/2017 RECENSIONE LIVE al Reeperbahn Festival di Bands of tomorrow (DANIMARCA)
10/10/2017 INTERVISTA (live) su Buona o Bastarda (Radio Godot)
15/10/2017 INTERVISTA su Snatura Rock con Francesca Ognibene su Radio Sherwood
27/10/2017 Approfondimento di Camilla D’Angeli su yellowgirls
29/10/2017 Mini live in diretta fb per OFF TOPIC
02/11/2017 WEIGHTLESS live a SZIMPLA KERT (BUDAPEST)
09/11/2017 Presentazione del live a Cacio e Pere su La Nazione (Siena)
13/11/2017 INTERVISTA con Sara D’Angelo per Music coast to coast
14/11/2017 INTERVISTA (cartacea) con Alessandra Manini su Spaziorock
30/11/2017 INTERVISTA (cartacea) su Bands of tomorrow (DANIMARCA)
04/12/2017 ARTICOLO su SIM e SHIJO X  su Tenho mais discos que amigos (BRASILE)
01/01/2018 Inserimento di ELEVEN in Playlist n. 96 di Rockit
09/01/2018 ARTICOLO su ELEVEN su IL CENTRO.IT 
11/01/2018 INTERVISTA (live) su Pirate Radio (registrata a concerto a Passau) (GERMANIA)
19/01/2018 Video di ELEVEN in esclusiva su DLSO con articolo di Claudia Maddaluno
19/01/2018 ARTICOLO di Pedro Aununtes su ELEVEN in Estradao (BRASILE)
23/01/2018 Inserimento in Playlist della Radio WMSE (Milwaukee Wisconsin USA)
29/01/2018 ARTICOLO sul video di ELEVEN per MUITOALEMDOMICROFONE (BRASILE)
31/01/2018 ARTICOLO sui migliori video della settimana (BRASILE)
31/01/2018 Inserimento in playlist della Radio WXCI (Western Connecticut State University USA)
09/02/2018 MENZIONE (Brink) in una playlist su Soundrive Tribune (POLONIA)
Pagina GIGMIT su Shijo x
DALLA CLASSIFICA NACC AMERICA
Partecipazioni su Radio ondadurto e radio Fragola
23/02/2018 RECENSIONE di ODD TIMES su SOUNDKARTELL (DE)
05/03/2018 AZOOFA SESSION Fireflies (BRASILE)
09/03/2018 inserimento di ELEVEN nella compilation #20 di Eclettica
14/03/2018 ELEFANTE SESSION 1 Fireflies (BRASILE)
16/03/2018 ELEFANTE SESSION 2 Eleven (BRASILE)
18/03/2018 ELEFANTE SESSION 3 Tear (BRASILE)
16/03/2018 articolo su ROLLUP MAGAZINE (Cristiano Felicioni)